PATRIMONIO

Il territorio di competenza della Soprintendenza si caratterizza per l’alta concentrazione di beni storico-artistici (circa l’80% di tutto l’Abruzzo) che testimoniano l'arte e la storia costruttiva del Medioevo, affiancandosi al prezioso patrimonio archeologico che è in continua crescita.

Si contano 738 edifici privati e monumenti dichiarati d'interesse culturale, di cui circa 502 a L’Aquila (318 nel centro storico e 184 nelle frazioni) ed altri 235 nei piccoli comuni dell’area sismica, per un totale di almeno 2500 immobili d'interesse culturale.

Il territorio ricade in aree parco, con la presenza del Parco Nazionale del Gran Sasso e del Parco Regionale Velino-Sirente, a cui si aggiungono altri estesi territori tutelati, in quanto decretati di notevole interesse paesaggistico, che rendono il 70% dell’area sottoposta a tutela paesaggistica.

Sono affidati alla Soprintendenza, per competenza territoriale, anche alcuni siti monumentali e archeologici situati nel territorio del cratere sismico:

  • Chiesa di S.Pietro a Ofena (AQ)
  • Area archeologica di Amiternum (Anfiteatro e Teatro)
  • Area archeologica di Civita di Bagno nel territorio aquilano
  • Area archeologica di Castel di Ieri (Tempio italico) nella valle subequana, sulla via Tiburtina Valeria.