IL RESTAURO DELLA BASILICA

La Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città dell'Aquila e i Comuni del Cratere ha curato la progettazione del restauro della Basilica di Santa Maria di Collemaggio, con il supporto di esperti di tre università italiane, e la direzione dei lavori conclusi in soli due anni (vedi).

Il progetto si è posto l'obiettivo di restituire alla comunità – anche nel segno di una possibile rinascitauno spazio dal forte valore simbolico. Di fronte ai crolli e agli ingenti danni strutturali sono state individuate le soluzioni in grado di contemperare il valore storico delle stratificazioni e le esigenze di reintegrazione, nonché di sicurezza basandosi sui contemporanei orientamenti del restauro.

La redazione del progetto ha previsto una dettagliata fase di conoscenza della fabbrica (2012-2013) accompagnata dalla stesura del progetto definitivo, poi reso esecutivo (2013-2014). La fase di carattere amministrativo-gestionale (2015) - durante la quale è stato anche sottoscritto un protocollo di legalità tra Prefettura, Soprintendenza, Comune ed ENI - ha consentito di individuare l'impresa esecutrice, e di arrivare infine all'impianto del cantiere (2016-2017).

L'approfondita ricerca storico-critica ha permesso di comprendere l'evoluzione costruttiva della Basilica, così come modificata dai terremoti e dal restauro di Moretti, di conoscere la sua consistenza strutturale/compositiva (fig. 1) e, dunque, di capire anche il motivo dei crolli. Indagini dirette e indirette hanno consentito di approfondire le conoscenze sugli aspetti costruttivi e materici. Un'aggiornata ricerca tecnico-scientifica, garantita dall’esperienza degli atenei italiani coinvolti, è stata di essenziale supporto per l'individuazione delle soluzioni tecniche più adeguate. Il progetto di restauro della Basilica ha dunque affrontato problematiche centrali del dibattito scientifico e disciplinare: la riconfigurazione di spazialità andate perdute, il consolidamento strutturale e il suo dialogo con le istanze estetiche e storiche, la reintegrazione degli apparati decorativi.

Collemaggio Catalogazione Tessiture Murarie

(1) Catalogazione delle tessiture murarie - mappatura del prospetto nord

Prima di eseguire i vari interventi che verranno di seguito descritti, nelle prime fasi di allestimento del cantiere sono state adeguate e, ove necessario, implementate le strutture poste in opera per la prima messa in sicurezza.

La Navata Centrale ->